Denuncia di superficie 2020 - Ente Nazionale Risi

archivio notizie - Ente Nazionale Risi

Denuncia di superficie 2020

 
Denuncia di superficie 2020

Ricordiamo che, come di consueto l’Ente ha inviato la richiesta di presentazione della denuncia di superficie alle caselle PEC di tutti i risicoltori.

 

La mail che ogni risicoltore ha ricevuto nella casella PEC contiene un link sicuro che gli permetterà di compilare direttamente (senza la necessità di usare codici o password) la propria denuncia, anche usando lo smartphone o un tablet.

Invitiamo i risicoltori ad utilizzare questa modalità, pensata per rendere meno gravosi i propri adempimenti burocratici, e a segnalarci eventuali problemi che dovessero rilevare per consentirci di offrire un servizio migliore.

I risicoltori dovranno indicare, per ogni varietà seminata, se si tratta di riso che si intende assoggettare al sistema di tracciabilità varietale del riso “CLASSICO”, cliccando sul relativo pulsante oppure se si tratta di riso “In conversione ad agricoltura biologica” o di riso “Biologico”, cliccando sui rispettivi pulsanti. 

La denuncia di superficie (per scaricarla clicca qui) , in formato cartaceo, è stata allegata al “Il Risicoltore” del mese di maggio 2020.

Si ricorda di specificare la corretta indicazione della modalità di semina (in acqua, interrata, con pacciamatura) con la relativa superficie che è um elemento fondamentale per consentire all’Ente di calcolare il rispetto del dosaggio minimo di semente certificata previsto dal Decreto Interministeriale dell' 8 novembre 2018 per i risicoltori che intendano aderire al sistema di tracciabilità varietale del riso “CLASSICO”.

Resteranno invariate le altre modalità di invio della denuncia (consegna ai nostri uffici, mail, spedizione postale), tuttavia, in considerazione dell'emergenza COVID - 19 si raccomanda di considerare come ultima possibilità la presentazione dei documenti presso gli uffici dell'Ente.  

 

I risicoltori che intendono aderire al sistema di tracciabilità varietale per il riso che potrà fregiarsi del termine “CLASSICO” dovranno tassativamente entro il 20 luglio 2020:

 

  • compilare la denuncia di superficie tramite il portale web dell’Ente Risi, cliccando sul pulsante “CLASSICO” per le varietà che si intende assoggettare al sistema di tracciabilità varietale del riso “CLASSICO”; in questo modo l’istanza di adesione al riso “CLASSICO” verrà compilata in automatico dal sistema informatico a condizione che venga rispettato il dosaggio minimo di semente certificata previsto dal Decreto Interministeriale dell' 8 novembre 2018.

 

              oppure

             

  • compilare l’istanza di adesione al riso “CLASSICO”, scaricando il modulo che è disponibile sul sito web dell’Ente (istanza di adesione per scaricarla clicca qui), trasmessa via mail o via fax insieme alla denuncia di superficie e alla fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validità oppure depositata, insieme alla denuncia di superficie e alla fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validità, presso la cassetta delle lettere degli uffici dell'Ente.