Autorizzazione in deroga Devrinol F - Ente Nazionale Risi

archivio notizie - Ente Nazionale Risi

Autorizzazione in deroga Devrinol F

 
Autorizzazione in deroga Devrinol F

Il Ministero della Salute ha approvato per situazione di emergenza fitosanitaria ai sensi dell'art. 53 del Reg. UE 1107/09 l'estensione d'impiego della sostanza attiva Napropamide sulla coltura riso per 120 giorni dal 10 marzo 2020.

Il nome commerciale sarà Devrinol F con una attività su Alismatacee (Alisma spp.), Giavoni (Echinochloa spp., ecc.), eterantera (Heterantera spp.) e su Zigolo delle risaie (Cyperus difformis), Panicum dichotomiflorum, Leptochloa fascicularis, Setaria viridis, Digitaria sanguinalis, Polygonum lapathifolium.

L'etichetta prevede come negli anni scorsi l'autorizzazione sul riso a semina interrata a file. L’applicazione del prodotto va eseguita in pre-emergenza della coltura e delle infestanti su terreno ben livellato e preparato, preferibilmente umido o in previsione di pioggia. Se non dovesse sopravvenire una precipitazione entro 7-10 giorni dal trattamento, sarà necessario provvedere all’incorporazione del prodotto nel terreno mediante un’irrigazione (circa 10 mm d’acqua), in modo da permettere l’attivazione della molecola ed assicurarne la piena efficacia erbicida.

La dose d'impiego è 1,5 – 2 L/ha consigliando di utilizzare la dose inferiore nei terreni ricchi di scheletro.

 

Si ricorda inoltre che:

al fine di permettere al prodotto di esplicare al meglio la sua attività diserbante e la sua selettività attenersi alle seguenti modalità operative: effettuare una buona preparazione del letto di semina in modo da operare su terreno perfettamente livellato e privo di zolle; effettuare le semine in maniera uniforme e regolare; assicurare una profondità di semina di almeno 2 - 2,5 cm avendo altresì cura di evitare che alcuni semi rimangano scoperti; distribuire la miscela operando uniformemente ed in assenza di vento, in modo da evitare accuratamente aree non trattate e/o sovrapposizioni.

 

In allegato alla notizia il decreto e l'etichetta del prodotto.