Brumava 2019: nota integrativa - Ente Nazionale Risi

archivio notizie - Ente Nazionale Risi

Brumava 2019: nota integrativa

 
Brumava 2019: nota integrativa
Marchio bruma sopra

    

PROGETTO BRUMAVA:
monitoraggio brusone

campagna  2019 - NOTA integrativa-

L’andamento di qualsiasi malattia delle piante che coltiviamo dipende fortemente dal clima annuale e dalle condizioni meteorologiche che si verificano nel corso delle varie fasi di accrescimento delle colture. Tutto questo vale in modo speciale per il brusone: la capacità di resistere all’infezione da parte della varietà coltivata e il meteo rappresentano i fattori più determinanti per l’intensità della sua manifestazione in campo.

Le anomalie climatiche di questo 2019 stanno fortemente influendo sulle caratteristiche della pressione infettiva da brusone presente nelle risaie piemontesi. Nel mese di giugno, quindi sempre più in anticipo rispetto al passato, il fungo patogeno era già disperso nell’aria. Le varie ondate di calore che si sono verificate hanno disidratato le spore, vanificando il loro potere d’infezione senza però influire sulla loro vitalità. Proprio per questo, le spore sono state immediatamente rinvigorite dalle varie conseguenti fasi di brusco calo termico, che hanno originato diffusi focolai di infezione. Focolai non particolarmente estesi sul territorio ma più che sufficienti per rinforzare, di volta in volta sempre di più, la carica aerea potenzialmente infettiva.

Giunti ad inizio agosto con una situazione ambientale ancora ciclicamente oscillante, ideale per “oscurare” ai nostri occhi la pericolosità della malattia, si ritiene importante mandare un segnale di elevata attenzione a tutti i risicoltori piemontesi. In questa avanzata fase della coltura, infatti, l’impatto del patogeno sulla pianta non si traduce in un sintomo visibile in un breve lasso temporale (come succede ad esempio a giugno/luglio col brusone fogliare). Leggerezze gestionali in questa fase si registreranno solamente a settembre, con un ormai irrimediabile danno al raccolto.

Tutti i dati ottenuti ed analizzati durante il monitoraggio delle risaie piemontesi conducono a suggerire una gestione più che attenta e calibrata delle risaie in questa prima metà di agosto. Si consiglia speciale attenzione alle coltivazioni con varietà suscettibili e mediamente tolleranti, così come a qualsiasi varietà coltivata in terreni già conosciuti come predisponenti all’infezione (l’esperienza e la memoria storica di ciascun risicoltore è più che mai fondamentale). Si consiglia anche una generale elevata attenzione qualora continuassero a verificarsi importanti oscillazioni termiche.

Il progetto BRUMAVA 2019 continuerà a supportare i risicoltori con l’emissione di bollettini nelle giornate del 5 - 8 -12 - 19 agosto.